GLI APPUNTAMENTI DI TELESUD - Questa sera alle 20.30 ed alle 23, in Agorà si parlerà dell'organizzazione della processione dei Misteri. Ospiti di Wolly Cammareri, il presidente dell'Unione Maestranze ed i rappresentanti del Collegio dei Probiviri. Alle 21.30 ed a 00.30, per Babele - Le Grandi Storie, Enzo Tartamella ospita la giornalista e pittrice Caterina Marceca


D'Alì e Savona contro Orlando
Attualità

D'Alì e Savona contro Orlando


È polemica per le affermazioni del sindaco di Palermo Leoluca Orlando sull’aeroporto “Vincenzo Florio” di Birgi. Per il primo cittadino del capoluogo siciliano lo scalo trapanese per sopravvivere non avrebbe altra alternativa che collegarsi con l’aeroporto di Punta Rais.

“L’aeroporto di Birgi non ha futuro. L’unica speranza per la sua sopravvivenza è collegarsi con Palermo”. Lo ha affermato il sindaco di Palermo in una intervista pubblicata su Siciliaogginotizie. Per il primo cittadino le società di gestione degli aeroporti di Trapani e Palermo, ovvero Airgest e Gesap, dovrebbero fare un protocollo di intesa per avviare un percorso comunale. A riguardo Orlando si è detto pronto a cedere all’Arigest una parte delle azioni Gesap del comune di Palermo, azionista della società di gestione del “Falcone Borsellino”, prospettando per il “Vincenzo Florio” l’atterraggio di jumbo per voli internazionali. Dichiarazioni che non sono piaciute per niente al senatore Antonio d’Alì. “Nessuna chiusura e nessuna subordinazione”, ha replicato il parlamentare trapanese, ricordando come già siano state tracciate da tempo le possibili dinamiche della opportunità di una collaborazione tra l’aeroporto palermitano e quello di Birgi. Per d’Alì le due realtà meritano pari dignità, considerati i dati di rilancio dello scalo trapanese. “Un rilancio – ha ricordato il senatore forzista - figlio del sacrificio e della determinazione dell’intera popolazione della provincia di Trapani, ma anche dell’impegno del centrodestra trapanese. Non certo, piuttosto, - ha concluso d’Alì - di magnanimi atteggiamenti da parte della politica palermitana».
Presa di posizione anche dal Pd con Piero Savona, secondo cui “le dichiarazioni di Orlando sul futuro dell’Aeroporto di Trapani sono frutto del momento elettorale che si incarna nella solita idea “neocolonizzatrice” della politica palermitana nei confronti degli interessi della provincia di Trapani”, ha dichiarato il candidato a sindaco di Trapani. Per l’esponente dei democratici “l’idea di annessione non ha senso”. Per Savona l’aeroporto di Trapani rappresenta un asset fondamentale per lo sviluppo del territorio e nessuna forma di prevaricazione potrà essere consentita a danno dello stesso, semmai sarebbe necessario spingere la Regione Siciliana affinché si possa fare sistema di tutte le realtà aeroportuali che dovrebbero operare non in conflitto ma in sinergia tra di loro”.

 

( Letto 1737 volte)


Lascia un commento

Time: 0.18532800674438 s