GLI APPUNTAMENTI DI TELESUD - Alle 20,30 ed a 00.00 andrà in onda l'incontro di basket Treviglio – Pallacanestro Trapani. Alle alle 23, in occasione della ricorrenza del 50 esimo anniversario del terremoto del Belice, andrà in onda un documento esclusivo firmato da Giacomo Pilati. Un'intervista a Ludovico Corrao, realizzata 20anni fa. Le immagini di Michele Monreale sono tratte dal documentario “I giorni del caos” prodotte diurante il terremoto. Il documeto fa parte del cofanetto “In Sicilia Rewind


Esposto contro gli incendi
Attualità

Esposto contro gli incendi


Il coordinamento Salviamo i boschi ha presentato una denuncia in Procura per chiedere di fare luce sui roghi che la scorsa estate hanno devastato migliaia di ettari di macchia mediterranea e alberi.

Ancora nelle montagne sono evidenti le ferite lasciate dagli incendi che la scorsa estate hanno mandato in cenere migliaia di ettari di macchia mediterranea e boschi. I danni per l’ambiente sono stati davvero elevati ed hanno portato diverse associazioni a costituire un coordinamento lanciato diverse iniziative per dire basta agli incendi boschivi, a partire dalla marcia tenuta allo Zingaro ed il Consiglio comunale straordinario fatto ad Erice ai primi di settembre. Lo Zingaro ed Erice sono tra l’altro due località dove si sono registrati gravi roghi. La provincia di Trapani è stata tra quelle con più incendi nell’estate 2017. In base ai dati della Commissione Europea nell’ambito del progetto Copernico, riportati in un dossier di Legambiente, emerge come il Trapanese sia tra i territori con la maggiore superficie bruciata: già a fine luglio risultavano più di 6 mila ettari sui 25 mila totali in Sicilia, la regione più colpita dagli incendi in Italia. Numeri da codice rosso. Tra gli incendi più gravi quello che a fine giugno ha devastato il versante Nord Ovest di Erice, da Martogna fino a Bonagia, passando da piano Guastella, Pizzolungo e Fontanarossa. Arrivando dunque quasi sotto il centro abitato del borgo medievale della vetta, come avvenuto il 7 agosto, con un secondo incendio che dalla zona dell’ingresso per l’area attrezzata di San Matteo è arrivato alla Casazza, entrando nel bosco che si trova sotto porta Spada. Lasciando devastazione e tanti alberi bruciati. Tutto questo alle porte del centro abitato della vetta. Un altro grave incendio ha interessato lo Zingaro, uno dei tesori naturalistici della provincia di Trapani. Fiamme anche a Scopello, monte Sparagio, bosco Scorace, Macari, Castelluzzo e nell’area di Biro. Devastazione anche in altre zone bellissime, come la Fossa del Bove a Monte Inici, sopra Castellammare, la sugherata di Angimbè, nel territorio di Calatafimi. Insomma, un vero e proprio annus horribilis che ha portato alla mobilitazione di dieci associazioni nel coordinamento “Salviamo i boschi”, che adesso è tornato a farsi sentire presentando un esposto per chiedere alla magistratura di indagare su quanto avvenuto nei mesi scorsi. 

"Alcune - si legge in un comunicato - tra le associazioni capofila del Coordinamento (Circolo “Metropolis“ Castellammare del Golfo, Associazione “Bosco Angimbè” Calatafimi, Associazione “Ecò“ Alcamo, Gruppo “Oasi Zen” Trapani, Italia Nostra sezioni di Paceco e Trapani, Movimento Cristiano Lavoratori Trapani, Associazione “Cambiamenti” Castellammare, Gruppo Micologico Tonino Pocoroba Valderice, Associazione “Peppino Impastato” Cinisi-Terrasini, LegAmbiente sezione di Trapani), dopo aver chiesto inutilmente ai sindaci dei comuni interessati di sporgere denuncia contro ignoti, hanno raccolto tutti dati che avevano a disposizione sugli incendi estivi e hanno deciso di presentare una denuncia congiunta alla Procura, attraverso l’avvocato Fabrizio Baudo".

"L’iniziativa odierna - continua la nota - conferma la volontà del Coordinamento di continuare la propria azione oltre il momento dell’emergenza, facendo rete tra le associazioni e creando una reale sinergia tra tutti i soggetti coinvolti nell'azione di controllo e gestione del territorio, per attuare un’efficace strategia di prevenzione ed evitare che anche quest’anno possa ripetersi nella nostra provincia e in tutta la Sicilia lo scenario di devastazione della scorsa estate".

Mario Torrente

    Videogallery

( Letto 336 volte)


Lascia un commento

Time: 0.48090004920959 s